NON SERVE VOLARE, BASTA VOLERE

NON SERVE VOLARE, BASTA VOLERE
 
Quanta pubblicità!
C'è
sui giornali.
Alle televisione,
per le strade.
Ci raggiunge in casa,
riempie i negozi,
appare negli stadi.
Si serve
di tutto e di tutti;
cattura il sorriso dei bimbi,
spoglia la donna,
esibisce superuomini.
Suo scopo è:
creare bisogni nuovi,
diffondere prodotti,
sollecitare acquisti.
 
La pubblicità
è l'anima
dell'economia di mercato,
è il motore
della civiltà dei consumi.
 
Oggi ho visto
una pubblicità diversa:
non reclamizza un prodotto,
mette in luce un valore.
 
Ben venga questa pubblicità!
 
Sul giornale
sta la figura di Superman.
E' il personaggio
buono e gradito ai ragazzi.
E' in volo
per una missione di bene.
  
Il titolo dice:
“Per essere utili agli altri
non serve volare,
basta volere”.
 
Il testo recita:
“Ogni anno in Italia
quattro milioni di persone
si dedicano al volontariato.
Superuomini?
No!
Gente normale
che aggiunge alla propria vita
la possibilità
di rendersi utile al prossimo.
Servono altri come loro:
cose da fare ce ne sono tante”.
 
Oggi
c'è fame di bontà
più che di pane.
Educare ai valori
è un'opera paziente e lunga.
Anche una buona pubblicità
come questa
può suscitare desideri di bene.
 
Nel mio cuore ho scolpito che
il volontariato è
lo straordinario di ogni giorno.

Scarica la Briciola...