VOI SIETE DI PIU’

VOI SIETE DI PIU’

Il bombardamento
seminò distruzione e terrore
La gente scappò ovunque.
 
Marisa
perse il marito
sotto le macerie.
 
Sola e senza casa
partì
con il figlio di sei mesi
al collo
e gli altri due
aggrappati alla gonna.
 
Portarono nei sacchetti
Il tesoro di famiglia:
pane biscottato
bottiglie di latte
riso e zucchero.
 
Vennero 0a rifugiarsi
in campagna.
 
Qui la fame non finiva mai,
ma la solidarietà
aiutava a tirare avanti.
 
Come ogni uragano
anche la guerra finì.
Aveva stroncato grandi alberi,
ma l’erba piccola
e la gente piccola
sopravvisse.
 
Marisa tornò dalle sue parti.
 
Con coraggio
e spirito di sacrificio
affrontò la situazione .
Andava
negli uffici a pulire,
dalle signore a servire,
alla trattoria a lavare.
 
Si recava al mercato:
raccoglieva,
tra scarti di frutta e verdura,
ciò che poteva essere
pulito, bollito, utilizzato.
 
Per far quadrare il bilancio
spezzava la lira in quattro.
 
Eppure
era fiduciosa
e volle
che i figli studiassero.
 
Qualche mese fa
se n’è andata carica di anni.
 
Al funerale
il figlio più giovane disse:
 
“Nostra madre
ci ha amati
con amore tenero e forte.
Ci ha educati
alla fede nella Provvidenza.
 
Ci ripeteva:
Il Padre Celeste,
nutre gli uccelli del cielo,
ma per Lui
voi siete di più”.

Scarica la Briciola...