ANCH’IO RISORTO

ANCH’IO RISORTO
 
Gesù, figlio di Dio,
Gesù, nato da Maria,
Gesù, fratello mio,
ti prego:
ascolta il mio grido.
 
Prestami il tuo corpo
di Risorto,
tutto donato a ogni istante,
consumato e crocifisso,
vivente oltre la morte;
 
il tuo corpo
pieno di tenerezza
e di compassione
puro come la sorgente:
sarà una perenne Eucaristia.
 
Prestami i tuoi occhi
di Risorto
per vedere in ogni uomo
la tua immagine
e la tua presenza;
 
i tuoi occhi
per sorridere,
per piangere,
per condividere:
solo cosi ti contemplerò.
 
Prestami i tuoi piedi
di Risorto
per portare ovunque,
come il Padre vuole,
la tua Parola;
 
i tuoi piedi
per camminare con te
in città o in campagna
o in pieno deserto:
mi sentirò sempre sicuro.
  
Gesù, figlio di Dio,
la tua risurrezione
mi fa sentire
la primavera
anche d’inverno.
 
Prestami il tuo cuore
di Risorto,
aperto al mondo
ad amare e consolare,
a perdonare e ascoltare;
 
il tuo cuore
perché anch’io offra
serenità e fedeltà,
certezza e libertà:
sarò così persona di pace.
 
Prestami le tue mani
di Risorto,
sempre tese e pronte
ad accogliere e a donare
gratuitamente;
 
le tue mani
perché anch’io
curi chi è malato,
sollevi chi è caduto,
sostenga chi è debole.
 
Prestami la tua volontà
perché diventi operatore
del tuo amore
e costruisca un mondo
di pace e di giustizia.
 
Solo cosi potrò
annunciare a tutti
l’avvento del tuo Regno
ed essere anch’io
risorto a vita nuova.

Scarica il testo...