LA VIGNA AMATA

LA VIGNA AMATA
 
Nella mia ex parrocchia
ci sono tanti vigneti
adagiati sui pendii delle colline.
La gente li lavora
con tanta passione.
La coltivazione delle viti sembra
un liturgia sacra.
 
Era appena iniziata la primavera
faceva ancora freddo.
Cercavo un papà.
La moglie mi disse:
“È sul ronco. Sta potando.
Prenda quel sentiero.
Lo raggiungerà alla svelta”.
Così ho fatto.
 
Mi sono trovato davanti a un uomo,
che pensavo solo e sperduto in mezzo alla natura.
Invece ho avuto l’impressione che
fosse in gradita compagnia.
 
Le viti gli erano amiche.
Il vento era come la loro voce.
Messaggi di speranza giungevano al suo cuore.
 
Mi misi a parlare con lui
e intanto mi guardavo attorno.
I filari erano ben allineati, puliti dalle erbacce
I tralci potati e legati ad arte.
Regnava un ordine perfetto.
 
Dissi:
“Bella la tua vigna.
Vedo che ti sta a cuore,
che la tieni bene”.
 
Mi rispose:
“Per me la vigna è come
la parrocchia per lei che è prete”
 
Pensai al linguaggio della Bibbia.
Aggiunsi:
“Hai detto bene.
Così sono gli uomini per Dio.
La vigna del Signore è il suo popolo”.

Scarica la Briciola...